Ricerca:

 
 
 
   
     
 
 


 

















 

Maggioli Editore su Geoexpo

Progettazione Tecniche e Materiali

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43

10195
   
      Dissesto idrogeologico e stabilità dei versanti
Piergiuseppe Froldi
 
ISBN: 8891610195
Collana: Ambiente Territorio Edilizia Urbanistica
Edizione: 1
Copyright: febbraio 2015
Tipo Prodotto: Volume
Pagine: 246
Formato: 17x24
 
Euro 36,00
 
- 10%
Euro 32,40
 

 
 
Disponibilità:
 

Dissesto idrogeologico e stabilità dei versanti

Consolidamento dei pendii con palificate

Il consolidamento dei versanti e dei pendii in terreni non lapidei a mezzo di pali strutturali, costituisce ad oggi il principale e più diffuso sistema di stabilizzazione laddove sono richieste prestazioni di funzionalità, affidabilità e sicurezza caratteristiche delle opere civili edilizie e infrastrutturali.

Questo nuovo volume analizza le caratteristiche fisico-meccaniche e statico-dinamiche delle frane attive, quiescenti o potenziali per prevederne, dal punto di vista ingegneristico, la stabilità, la possibile evoluzione nel tempo e nello spazio e progettarne gli interventi di stabilizzazione a mezzo delle palificate di consolidamento.

Il campo di applicazione del testo è volutamente limitato allo studio di quei fenomeni di instabilità gravitativa che interessano i “terreni” (soils), i quali rispondono al classico criterio di rottura della meccanica dei suoli noto come criterio di Coulomb (1773), cosi’ come modificato da Terzaghi (1923) con la formulazione del principio degli sforzi efficaci. Considerata la vastità e la complessità della materia, il taglio del volume è volutamente pragmatico ed essenziale, allo scopo di configurare un approccio di stampo geotecnico e ingegneristico, pur non trascurando il rigore analitico e teorico che contraddistingue tali metodi.

Esempi di analisi e di calcoli risolti corredano i principali capitoli del testo, fornendo la chiave di lettura della parte teorica enunciata.

L'intento principale del volume è offrire una adeguata panoramica delle principali procedure di riconoscimento, analisi dei fenomeni e relativa progettazione degli interventi di stabilizzazione, al fine di permettere ai tecnici operanti nel settore (ingegneri, geologi, ecc.), di affrontarne e superare adeguatamente le problematiche connesse ai rischi reali o potenziali che gravano sulle opere e sulle vite umane.

Nell’affrontare l’iter progettuale, secondo i criteri previsti dalle NTC 2008 e dagli Eurocodici, sono privilegiate procedure semplici, basate su metodiche universalmente accettate e di non problematica applicazione; le motivazioni sono da ricercarsi nella complessità della materia, la quale, nella risoluzione dei casi reali, raramente permette l’approfondimento di tutti i suoi aspetti, lasciando quindi aperti numerosi fronti di indeterminazione.

La parte del testo dedicata all’analisi della stabilità dei versanti, può essere considerata comune nell’affrontare l’analisi anche di altri sistemi di stabilizzazione.

Piergiuseppe Froldi, laureato in Scienze Geologiche e in Ingegneria, ha svolto attività di direzione tecnica per un’importante società di geoingegneria ed esercita attualmente le professioni di Ingegnere e Geologo. Dopo aver maturato una vasta esperienza nelle discipline geotecniche e geomeccaniche, ha conseguito a Parigi, presso il prestigioso istituto universitario nazionale CNAM, il titolo di Ingegnere Geotecnico.

 

1. Fenomeni di instabilità di versante

1.1 Introduzione 
1.2 Classificazione delle frane 
1.3 Descrizione tipologica delle frane 
1.4 Anatomia delle frane 
1.5 Cause delle frane

2. Genesi e dinamica delle frane 

2.1 Introduzione 
2.2 Condizioni precedenti all’innesco 
2.3 Colate 
2.4 Condizioni di innesco delle colate 
2.5 Condizioni dinamiche delle frane 
2.6 Monitoraggio dinamico delle frane intermittenti
2.7 Evoluzione delle frane complesse 
2.8 Profilo degli spostamenti e delle velocità 
2.9 Profilo delle velocità e pressione neutra 
2.10 Interpretazione del profilo del creep

3. Calcolo della stabilità 

3.1 Introduzione 
3.2 Metodi all’equilibrio limite 
   3.2.1 Generalità
   3.2.2 Metodi dei cunei
   3.2.3 Metodi dei conci 
   3.2.4 Rottura progressiva nei metodi LEM a conci
   3.2.6 Coefficiente di sicurezza e velocità di spostamento 
   3.2.7 Scelta del Fattore di Sicurezza di progetto 
3.3 Metodi numerici

4. Spinte sulle palificate

4.1 Introduzione
4.2 Spinte locali sulle opere di sostegno 
   4.2.1 Spinte delle terre secondo Rankine (1857)
   4.2.2 Spinte delle terre secondo Coulomb (1776) 
   4.2.3 Spinte delle terre in condizioni sismiche 
4.3 Spinte globali sulle palificate immerse – i “pali passivi” 
   4.3.1 Effetto della spaziatura tra i pali ed effetto arco 
   4.3.2 Effetto delle condizioni di vincolo del palo 
   4.3.3 Effetto della disposizione plurifilare
   4.3.4 Effetto della resistenza del substrato 
   4.3.5 Effetto della distribuzione delle spinte sul palo 
   4.3.6 Effetto della posizione dei pali sul pendio 
4.4 Modelli analitici per palificate con pali distanziati 
   4.4.1 Metodi basati sulla pressione – metodi delle spinte limite
   4.4.2 Metodi basati sulla pressione – metodo di Ito & Matsui (1975)
   4.4.3 Metodi basati sugli spostamenti 
   4.4.4 Metodi disaccoppiati
4.5 Case histories 
4.6 Sollecitazioni nei pali non ancorati 
4.7 Sollecitazioni nei pali ancorati 
4.8 Resistenza al taglio per effetto bietta o spinotto

5. Ancoraggi delle palificate 

5.1 Introduzione 
5.2 Ancoraggio a barra o a trefoli metallici suborizzontali
5.3 Ancoraggio a micropalo inclinato

6. Approccio normativo con le NTC e gli Eurocodici

6.1 Introduzione 
6.2 Azioni
6.3 Resistenze del terreno e delle opere
6.4 Verifiche di sicurezza agli SLU 
6.5 Verifiche agli SLE 
6.6 Azioni sismiche – il metodo semplificato 
6.7 Interazione sismica terreno-struttura 
6.8 Azioni sismiche nella stabilità dei pendii 
6.9 Azioni sismiche nei fronti di scavo e nei rilevati 
6.10 Azioni sismiche nelle opere di sostegno tipo paratie
6.11 Azioni sismiche nelle fondazioni su pali 
6.12 Interazione terreno-struttura e azioni cinematiche sui pali

7. Opere di consolidamento con pali e tiranti con le NTC e gli Eurocodici 

7.1 Verifiche di sicurezza nei pendii naturali
7.2 Verifiche di sicurezza nei pali soggetti a carichi trasversali 
7.3 Verifiche di sicurezza nelle opere di sostegno tipo paratie 
7.4 Verifiche di sicurezza nei tiranti di ancoraggio 
• Scheda di approfondimento n. 1
  Linee guida per la certificazione di idoneità tecnica dei tiranti
  di ancoraggio per uso geotecnico di tipo attivo

8. Analisi dell’insieme opera-terreno 

8.1 Introduzione 
8.2 Azioni 
8.2.1 Palificate assimilate a fondazioni 
8.2.2 Palificate assimilate a paratie 
8.3 Modalità di rottura e/o di instabilità 
8.4 Analisi delle sollecitazioni nel palo 
   8.4.1 Schema statico 
   8.4.2 Sollecitazioni flettenti da misure in sito 
   8.4.3 Metodi di risoluzione dello schema statico 
   8.4.4 Metodi statici semplificati 
8.5 Verifiche geotecniche (SLU GEO) del terreno con le NTC
8.6 Verifiche strutturali (SLU STR) con le NTC 
8.7 Verifiche strutturali (SLU STR) dei pali in c.a. 
8.8 Verifiche strutturali (SLU STR) dei micropali 
8.9 Particolari costruttivi 
 

• Scheda di approfondimento n. 1
    Esempio di rottura di palificata da bibliografia 

• Scheda di approfondimento n. 2
   Esempio di rottura di palificata da bibliografia

• Scheda di approfondimento n. 3
   Esempio di rottura di palificata da bibliografia 

• Scheda di approfondimento n. 4
   Calcolo del palo infinitamente rigido non vincolato in testa 

• Scheda di approfondimento n. 5
   Calcolo del palo infinitamente rigido vincolato con cerniera fissa in testa 

• Scheda di approfondimento n. 6
   Profilario per armatura dei micropali – Profili HEB UNI 5397 

• Scheda di approfondimento n. 7
    Profilario per armatura dei micropali – Tubi


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

 

83449
   
      Consolidamento e impermeabilizzazione dei terreni
Bosco Bernardo Bruno
 
ISBN: 8838783449
Collana: Ambiente Territorio Edilizia Urbanistica
Edizione: 1
Copyright: Settembre 2013
Tipo Prodotto: Volume
Pagine: 402
Formato: 17x24
 
Euro 44,00
 
- 10%
Euro 39,60
 

 
 
Disponibilità:
 

Consolidamento e impermeabilizzazione dei terreni

La tecnica del grouting

Geologi, ingegneri e geometri sono a diverso titolo interessati alla tecnica delle iniezioni per solidificare corpi porosi o permeabili come rocce fessurate, vuoti dei suoli, sabbie e ghiaie, murature difettose: i primi, in quanto deputati al riconoscimento dei terreni e all’individuazione delle loro caratteristiche, i secondi per l’utilizzo dei dati geotecnici nella progettazione degli interventi, i terzi per il rilievo dei siti e il posizionamento dei manufatti.

Una tecnica particolarmente complessa che questo nuovo Manuale sviluppa attraverso l’esame dei singoli trattamenti, illustrando in quattro parti, con il corredo esplicativo di numerose figure:

  1. quali sono i corpi iniettabili, cos’è un procedimento di iniezione, come si fa ad avere successo in tale campo,

  2. le sospensioni di polveri in acqua e le miscele chimiche, le loro caratteristiche, come e perché scegliere un determinato tipo di miscela,

  3. i principi e le teorie sulle iniezioni nel suolo e nelle fessure, con le osservazioni in sito e sui corpi iniettati,

  4. i diversi metodi di iniezione, controlli, documentazione, costi e tipologie di pagamento.

Risultato della profonda esperienza dell’autore, B.B. Bosco, in questa importante branca della geotecnica, il volume affronta l’intera materia nel dettaglio dei seguenti argomenti:

Parte prima
GENERALITA’

  1. Corpi Iniettabili: come iniettarli

    • Il procedimento di iniezione.

    • Successo dell’ingegneria delle iniezioni.

  2. Le più differenti miscele

    • Studi preliminari alla iniezione.

    • Chimica in pillole per l’iniezione.

Parte seconda
MISCELE DI INIEZIONE. MATERIALI PER FORMULARE LE MISCELE

  1. Caratteristiche delle miscele di iniezione

    • Materiali leganti.

  2. Sospensioni instabili.

  3. Sospensioni stabili.

  4. Sospensioni di materiali impermeabilizzanti consolidanti

    • Sospensioni di argilla.

    • Sospensioni di argilla-cemento.

    • Sospensioni di argilla-cemento-sabbia.

    • Sospensioni cemento-bentonite per TBM.

    • Sospensioni di cementi microfini.

    • Sospensioni cemill.

    • Sospensioni stabilizzate Mistra.

    • Additivi.

    • Miscele cementizie addittivate.

  5. Perché utilizzare le miscele chimiche?

    • Gel di silice teneri e duri.

    • Silacsol N.

    • Litosil.

    • Groutmaster sr 10.

    • Resine indurenti.

    • Resine epossidiche.

    • Poliuretani.

    • Nanosilici.

    • Soluzioni di silice colloidale.

    • Sospensioni aerate.

    • Sospensioni rigonfianti.

    • Come scegliere una miscela chimica.

Parte terza
INIEZIONE, PRINCIPI E TEORIE

  1. Iniezione del suolo polveroso.

  2. Iniezione delle fessure.

  3. Pressione di iniezione nelle fessure.

  4. Trattamenti combinati

    • Drenaggi ed iniezioni.

    • Tiranti ed iniezioni.

    • Tiranti coattivi ed iniezioni.

    • Tiranti, iniezioni e drenaggi.

    • Micropali, puntoni e drenaggi.

  5. Claquages o idrofessurazione.

  6. Prove di iniezione in laboratorio

    • Prove di iniezione in candela.

    • Prove di iniezione in muratura.

  7. Osservazioni in sito.

  8. Caratteristiche dei corpi iniettati.

Parte quarta
INIEZIONE E TECNICA

  1. Iniezione delle fessure in roccia

    • Tecnica multipaker sleeved pipe.

    • Metodo Grouting Intensity Number.

  2. Iniezione del terreno sciolto

    • Tubo a valvole per l’iniezione.

    • Aspetti particolari delle iniezioni.

  3. Miscela profonda

    • Deep mixing.

    • Cutter soil mixing.

  4. Tiranti.

  5. Micropali

    • Infilaggi.

    • Soil nailing

    • cloujet.

  6. Iniezione di compensazione

    • Iniezione solida.

  7. Come sollevare il terreno con l’iniezione.

  8. Iniezione ad altissima pressione, jet grouting.

  9. Controlli delle iniezioni

    • Controlli in roccia.

    • Controlli nei terreni sciolti.

  10. Controlli della perforazione

    • Horizontal directional drilling e l’iniezione.

    • Impianto di disabbiamento.

    • Pompe per fanghi.

  11. Prove di iniezione

    • Prove di iniezione in roccia.

    • Prove di iniezione in terreno trattato.

  12. Tipologia di cantiere.

  13. Macchine di cantiere

    • Preventer BOP, sas.

    • Trattamento acque e fanghi.

  14. Documentazione di cantiere.

  15. Registrazione dei parametri.


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

 

84910
   
      Le analisi agli elementi finiti in geotecnica
Rabuffetti Angelo
 
ISBN: 8838784910
Collana: Ambiente Territorio Edilizia Urbanistica
Edizione: 1
Copyright: Settembre 2013
Tipo Prodotto: Volume con Software
Pagine: 214
Formato: 17x24
 
Euro 59,00
 
- 10%
Euro 53,10
 

 
 
Disponibilità:
 

Le analisi agli elementi finiti in geotecnica

Valutazione di stabilità dei pendii

Con il software professionale FEA Slope Light

Naturale evoluzione dell’analisi geotecnica, le applicazioni agli elementi finiti (FEM) favoriscono lo sviluppo di procedure di calcolo performanti e straordinariamente flessibili.

Il programma agli elementi finiti bidimensionali FEA Slope per l’analisi di stabilità dei pendii (la cui versione Light è unita al volume) costituisce un passo avanti decisivo nel consapevole utilizzo dei moderni standards..

Il volume di pagine 210 presenta le nozioni essenziali di meccanica dei terreni, della teoria della viscoelasticità e sull’utilizzo del metodo SFR (Strenght Reduction Factor) mediante formulazioni rigorose e complete. Il significato di ogni termine, adeguatamente spiegato, diviene intuitivo per l’utilizzatore.

Il programma FEA Slope Light è un algoritmo FEM per la verifica geotecnica di stabilità dei pendii, a elementi piani quadrilateri a otto nodi, con analisi di tipo viscoplastico, funzione di collasso di Mohr-Coulomb, formulazione del potenziale plastico non associata e con implementazione del metodo SRF per la definizione del fattore di sicurezza.

FEA Slope Light permette l’analisi di sistemi geotecnici fino a 350 elementi finiti, due strati di terreno distinti in assenza di falda, possibilità di modellazione di sovraccarichi e analisi sismica secondo le modalità previste dalle NTC 2008.

Il manuale d’uso del software, chiaro ed esaustivo - oltre ad una serie di esempi che fungono anche da validazione nei confronti delle soluzioni “tradizionali” dei pendii - fa parte dei contenuti del volume, così precisamente organizzati:

  1. LO SCHEMA RISOLUTIVO DEGLI ALGORITMI AGLI ELEMENTI FINITI

    - Tipi di elementi finiti.

    - Condizioni al contorno.

    - Problematiche di accoppiamento.

  2. QUALCHE PRECISAZIONE SULLE SOLUZIONI FEM.

  3. BASI DI MATEMATICA DEGLI ELEMENTI FINITI

    - Le funzioni di forma e la matrice delle rigidezze.

    - Formulazione statica diretta: gli elementi asta.

    - Formulazione energetica: gli elementi trave.

    - Gli elementi bidimensionali nella formulazione energetica.

    - Coordinate globali e coordinate locali. Elementi finiti isoparametrici. La quadratura gaussiana.

  4. TEORIA DELLA PLASTICITÀ IN GEOTECNICA

    - Le soluzioni iterative.

    - La funzione di collasso (criterio di Mohr-Coulomb) e il potenziale di plasticizzazione.

    - Criterio di flusso “associato” e “non associato”. Concetto di dilatanza.

    - Altri criteri di collasso e leggi costitutive complesse.

    - La viscoplasticità.

    - Algoritmi FEM in campo plastico. Schemi applicativi.

    - Sforzi totali e sforzi efficaci nella stabilità dei pendii.

  5. IL CRITERIO DI COLLASSO DI MOHR-COULOMB NELLE APPLICAZIONI FEM

    - Richiami di meccanica del continuo.

    - Invarianti di stress e rappresentazione degli stati di sforzo.

  6. LE AZIONI SISMICHE SUI PENDII.

  7. LA RICERCA DEL FATTORE DI SICUREZZA IN GEOTECNICA

    - Il metodo SRF.

    - Il metodo con incremento dei carichi esterni.

  8. SICUREZZA E STATI LIMITE NELLA ANALISI FEM

    - Condizioni a breve e a lungo termine.

    - I metodi FEM e lo stato limite ultimo (SLU).

    - I metodi FEM e lo stato limite di esercizio (SLE).

  9. ALTRI ALGORITMI FEM IN MECCANICA DEI TERRENI E DEI FLUIDI

    - Algoritmi FEM nelle problematiche idrauliche. Il moto uniforme.

    - La consolidazione.

ESEMPI E VALIDAZIONI

Esempio 1 - Terreno granulare con ф = 30°.

Esempio 2 - Terreno granulare con ф = 40°.

Esempio 3 - Terreno coesivo in condizioni non drenate con Cu = 28,73.

Esempio 4 - Terreno dotato di attrito e coesione: ф = 15 e C = 20 KPa.

Esempio 5 - Terreno dotato di attrito e coesione: ф = 20 e C = 15 KPa.

Esempio 6 - Decadenza di precisione con adozione di maglie di elementi a triangoli.

Esempio 7 - Pendio con 2 suoli.

Esempio 8 - Pendio in condizioni sismiche.

Esempio 9 - Pendio consolidato con setti di diaframma.

Esempio 10 - Analisi di stabilità di una paratia semplicemente incastrata nel terreno.

Esempio 11 - Analisi di stabilità di una paratia puntellata all’interno dello scavo.

Esempio 12 - Analisi di stabilità di una galleria.


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

 

 

Maggioli Editore su Geoexpo

Progettazione Tecniche e Materiali

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43


Dissesto idrogeologico e stabilità dei versanti

 

Consolidamento e impermeabilizzazione dei terreni

 

Le analisi agli elementi finiti in geotecnica

 

Tecniche di validazione di modelli di calcolo per strutture esistenti in zona sismica

 

Sistemi eolici

 

Progettazione esecutiva di strutture miste in zona sismica

 

Diagnosi e certificazione energetica: prove strumentali sugli edifici

 

Termografia edile

 

Tecnologia e tecniche delle pareti in edilizia

 

Analisi di stabilità e messa in sicurezza dei pendii

 

Progettazione e relazione geotecnica

 

L'edificio energeticamente sostenibile

 

Liquefax 2012

 

Sismx 2012

 

Restauro e recupero degli edifici a struttura muraria

 

La termografia per l'edilizia e l'industria

 

Progettazione esecutiva di strutture in muratura in zona sismica per edifici esistenti e nuovi

 

Guida alla qualità nell’ambiente ufficio

 

Il manuale del certificatore energetico

 

Costruire con il legno lamellare

 

Edifici a consumo energetico zero

 

Umidità e risanamento negli edifici in muratura

 

I materiali da costruzione

 

Il rilievo degli edifici

 

Ampliare gli spazi interni

 

Realizzare una scala

 

Tecnologia e tecnica dei solai e dei balconi

 

Le scelte fotovoltaiche per l’edilizia abitativa

 

Progettare i luoghi senza barriere

 

Murature ad alte prestazioni

 

Analisi dei prezzi unitari in edilizia

 

Edifici a risparmio energetico nelle regioni mediterranee

 

Il raffrescamento passivo degli edifici in zone a clima temperato

 

Principi di progettazione degli impianti solari termici

 

La regolazione degli impianti di riscaldamento e climatizzazione

 

Nuove norme tecniche per le costruzioni: cosa cambia

 

Costi per tipologie edilizie

 

Classe energetica degli edifici: le procedure di calcolo

 

Fondazioni

 

Il progetto esecutivo degli edifici in muratura

 

Riqualificazione strutturale di edifici in calcestruzzo armato

 

Tecnologia dei sistemi edilizi

 

Metodi di protezione antisismica

 

La casa energetica

 

Progettare la domotica

 

Sistemi a biomasse: progettazione e valutazione economica

 

La messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici esistenti

 

Progetti esecutivi di strutture e coperture in legno lamellare

 

Il progetto architettonico antisismico

 

Pratica strutturale: ancoraggi

 

Reti e cablaggio strutturato

 

Sistemi solari termici per la climatizzazione

 

Il recupero energetico ambientale del costruito

 

Progettazione strutturale antisismica degli edifici

 

Criteri di progettazione antisismica per - strutture miste acciaio-c.c.a. - legno - muratura

 

Il contenimento del fronte di scavo nella esecuzione di opere edili

 

Analisi e progettazione semplificata di un piccolo edificio in cemento armato

 

Diagnostica strutturale

 

La realizzazione di un sottotetto abitato

 

Guida al progetto di strutture in acciaio

 

Il rinforzo con materiali compositi fibrosi FRP per strutture in cemento armato, muratura, legno

 

Impianti civili di condizionamento e climatizzazione

 

Principi di progettazione dei sistemi eolici

 

Acciaio: calcolo pratico agli stati limite

 

Principi di progettazione dei sistemi solari fotovoltaici

 

Impianti di raccolta e scarico acque

 

Impianti idrico sanitari

 

Legno lamellare: calcolo pratico agli stati limite

 

Cemento armato: calcolo pratico agli stati limite

 

Guida alla certificazione energetica

 

Progetti di luce

 

Progettazione ed efficienza energetica

 

La progettazione di centrali termiche a metano e GPL

 

L'ampliamento della casa uni e bifamiliare

 

Tetti e coperture - Dal progetto al prodotto

 

Progettazione esecutiva strutture in legno lamellare in zona sismica

 

Dettagli esecutivi - Banca dati dei nodi costruttivi di strutture, facciate, coperture, serramenti

 

La ristrutturazione di ville, rustici e casali

 

L'integrazione architettonica dei sistemi solari fotovoltaici

 

Pratica strutturale: redazione di progetti, relazioni, collaudi

 

Le pareti perimetrali opache

 

Edilizia sostenibile: requisiti, indicatori e scelte progettuali

 

Sistemi solari fotovoltaici: progettazione e valutazione economica in Conto Energia

 

Progettazione esecutiva di strutture in cemento armato in zona sismica

 

Illuminazione d'interni

 

Guida al progetto di strutture in acciaio

 

Ascensori e apparecchi elevatori

 

L'architettura dell'acqua

 

Impianti idrico-sanitari, di scarico e di raccolta delle acque nell'edilizia residenziale

 

I progetti nelle città della costa

 

Recupero e riuso degli edifici rurali

 

Tecniche costruttive per l'efficienza energetica e la sostenibilità

 

Edifici in acciaio: progettazione esecutiva dell'involucro

 

Idraulica marittima

 

Manuale di geotecnica per l'ingegneria civile

 

AS3 Architettura Sostenibile

 

AS2 Architettura Sostenibile

 

AS1 Architettura Sostenibile

 

Progettare le scale

 

Progettazione di impianti solari fotovoltaici

 

Manuale di manutenzione edilizia

 

Progettazione esecutiva di strutture miste in zona sismica

 

Edilizia Sanitaria Territoriale

 

Pavimentazioni interne ed esterne

 

Costi parametrici indice per tipologie edilizie

 

Le prestazioni energetiche degli edifici

 

La certificazione energetica degli edifici e degli impianti

 

Efficienza energetica in edilizia

 

Rilevamenti dello stato e tecniche degli interventi di rispristino negli edifici

 

Guida al progetto di strutture in acciaio

 

Progettare il legno

 

Il serramento nell'involucro edilizio

 

La validazione del calcolo strutturale eseguito con il computer

 

Progettare e realizzare i parcheggi pubblici e privati

 

Progettare tetti e coperture

 

Impianti di riscaldamento e condizionamento negli edifici residenziali

 

La progettazione esecutiva di edifici in muratura

 

Assorbimento e isolamento acustico negli edifici

 

Il gesso

 

Progettare con le membrane

 

Progettare sistemi di protezione solare degli edifici

 

Opere cimiteriali

 

La nuova normativa antisismica degli edifici

 

La bonifica da amianto in edilizia

 

Calcestruzzo armato: strutture nuove in zona sismica

 

Armature e rinforzi nelle murature

 

Il calcolo delle strutture in cemento armato

 

Verifica e dimensionamento di elementi strutturali in C.A.

 

Manuale di prevenzione incendi

 
 

 















 

 

 05071428/AA - Maggioli Editore su Geoexpo

 
 
Informazioni commerciali:  Maggioli SpA - Tel. 0541/628200  - Fax 0541/622060 - email 
Informazioni sito web:  GeoExpo by GEO group s.r.l. - tel. 0825 824256 - fax 0825 825363 - email 
   
Home Page geologi.it bar-2
bar-3